25
nov
2017
  • NAAA App
NAAA Onlus

Adozioni internazionali, il NAAA al TGR Piemonte

La presidente Maria Teresa Maccanti ospite in diretta negli studi di via Verdi, a Torino

Adozioni internazionali, il NAAA al TGR Piemonte
Foto: La presidente Maria Teresa Maccanti intervista da Elena Cestino negli studi di Torino della Rai
09 gen 2017

Uno sguardo alle adozioni internazionali, con un approfondimento sulla nuova formazione on-line: questi i temi dell’intervista rilasciata dalla presidente del NAAA, Maria Teresa Maccanti, al TGR Piemonte andato in onda alle 14 di giovedì 5 gennaio su Rai3. “La formazione è un passaggio obbligato – ha detto la Maccanti negli studi di via Verdi, a Torino, alla giornalista Elena Cestinoper un giusto accompagnamento delle famiglie adottive, un’apertura alla genitorialità. Si svolge in più fasi e la parte on-line è dedicata soprattutto alle coppie che si preparano all’accoglienza di bambini special needs, ovvero con bisogni speciali, ma quasi tutti con problemi risolvibili. La partecipazione ai corsi è aperta a tutti, anche agli aspiranti genitori che non hanno conferito il mandato al nostro ente. Inoltre è accessibile da ogni parte d’Italia e non c’è più un Paese a due velocità, senza differenze tra nord e sud: grazie alla nuova piattaforma tutte le future famiglie hanno la stessa formazione”. Nel 2016 sono stati 104 i bambini accolti da 88 famiglie che si sono rivolte al NAAA per essere accompagnate lungo il proprio percorso adottivo. “Un dato costante rispetto al passato – ha proseguito la Maccanti – nonostante a livello nazionale ci sia stato un calo del 40-50 per cento. Il merito di questo risultato è dovuto probabilmente anche all’innovazione della formazione on-line, che abbiamo lanciato più di un anno fa”. Sono passati più di vent’anni da quando il NAAA ha iniziato ad operare nel campo delle adozioni internazionali. Il primo ufficio in Piemonte fu aperto a Nole, in provincia di Torino. Nel 2000, per necessità di spazi ulteriori, ci fu poi il trasferimento a Ciriè e nel marzo del 2016 la sede centrale dell’ente è tornata a Nole, al quarto piano del nuovo palazzo ex Erber, dove si trova anche il municipio. “Oggi le famiglie sono più informate e consapevoli rispetto al passato – ha evidenziato la presidente – per questo riusciamo ad accogliere bambini più grandi e con qualche problema di salute, comunque recuperabile. Questo è merito della formazione, ma anche dell’informazione, che sono elementi fondamentali nell’accoglienza dei nostri bambini”. Non poteva mancare, infine, uno sguardo al futuro. “L’auspicio per il 2017 è che il nuovo Governo attui politiche per migliorare e sostenere l’adozione internazionale”, ha concluso la Maccanti. Per chi non avesse visto il telegiornale in diretta, il video dell'intervista è disponibile sulla homepage del nostro sito.