24
set
2017
  • NAAA App
NAAA Onlus

"Scacco all'abbandono", centodieci i ragazzi in gara

Buona la prima per il torneo organizzato dalla sede Sardegna del NAAA e dal circolo "Gavino Satta" di Nuoro

"Scacco all'abbandono", centodieci i ragazzi in gara
Foto: I volontari della sede Sardegna del NAAA con gli organizzatori del torneo
29 mag 2017

Più di centodieci partecipanti provenienti da oltre quindici Paesi di quattro diversi continenti, senza dimenticare le decine di volontari impegnati per tutta la giornata. Sono questi i numeri della prima edizione di “Scacco all’abbandono”, il torneo internazionale giovanile di scacchi promosso dalla sede Sardegna del NAAA con il circolo scacchi “Gavino Satta” di Nuoro, a cui sono iscritti oltre 950 ragazzi, in collaborazione con il Comune di Siniscola ed il Centro Giovanile Oratorio Siniscola. Un vero e proprio successo per la manifestazione andata in scena sabato 27 maggio nella palestra del Centro Giovanile in via Verdi a Siniscola, in provincia di Nuoro, dove già nelle prime ore del mattino è arrivato un pullman carico di volontari proveniente da Samugheo, con in testa il dottor Antonio Urruresponsabile della sede NAAA Sardegna insieme alla moglie Maria Nella Soi, la psicologa Cinzia Flore e la segretaria Alessandra Madeddu. La giornata si è aperta con il benvenuto della presidente del circolo scacchi di Nuoro, Paola Deserra, a cui è seguito quello del dottor Urru, che ha portato i saluti della presidente del NAAA, Maria Teresa Maccanti. Tra una prova e l’altra, non poteva mancare il pranzo conviviale a cui hanno preso parte più di cinquecento persone. Il torneo si è concluso nel pomeriggio, ricevendo i complimenti del sindaco di Siniscola, Gian Luigi Farris, e del parrocodon Salvatore Orunesu. A tutti i partecipanti è stata donata una medaglia ricordo, mentre sono stati premiati il più piccolo in gara, la miglior donna e i primi tre classificati per ogni categoria. È stato poi il dottor Urru a consegnare il premio più ambito, augurando al giovane vincitore di continuare ad essere un campione nello sportcosì come nella vita. E, visto il successo, lo sguardo è già rivolto alla prossima edizione