13
dic
2017
  • NAAA App
NAAA Onlus

Rimborsi, chiesti 15 milioni di euro per chi ha adottato dopo il 2011

Presentato un emendamento alla legge di bilancio per aumentare il fondo destinato alle adozioni internazionali a partire dal 2018

Rimborsi, chiesti 15 milioni di euro per chi ha adottato dopo il 2011
15 nov 2017

Quindici milioni di euro per garantire i rimborsi per le spese sostenute per le adozioni internazionali da parte delle coppie che hanno adottato dopo il 2011. Arriva una buona notizia, in seguito all’emendamento di Stefano Collina (Pd), Giorgio Pagliari (Pd) e Aldo Di Biagio (Ap) all’articolo 30 della legge di bilancio per il 2018 che «al fine di sostenere le politiche in materia di adozioni internazionali e di assicurare il funzionamento della Commissione Adozioni Internazionali, incrementa di ulteriori 15 milioni di euro annui a decorrere dal 2018 il Fondo per le adozioni internazionali istituito con la finanziaria approvata nel dicembre 2015». Ma non è l’unica novità: dovranno essere stabiliti nuovi criteri per il rimborso delle spese sostenute per l’adozione, tra cui la previsione di un tetto massimo ai rimborsi e un’indicazione in merito alle tipologie di servizi rimborsabili. La senatrice Rosetta Blundo (M5S) ha presentato poi un altro emendamento alla legge di Stabilità con il quale si chiede l’istituzione di un “Fondo di solidarietà per le vittime delle frodi nelle procedure di adozione internazionale”.