03
dic
2022
  • NAAA App
NAAA Onlus

Marco e Lisa

di Rosati Lucio e Nicoletta

Marco e Lisa
14 dic 2004

Siamo tornati dal Vietnam da pochi giorni. Marco, il nostro primo figlio, ci ha accompagnati in questa meravigliosa esperienza che ci ha portato ad incontrare finalmente la sorellina Lisa Thu Ha, una bellissima bambina che ora ha 7 mesi. Per Marco, a 3 anni e mezzo, non e' stata la prima avventura in aereo...il battesimo dell'aria risale a 3 anni fa, quando ci siamo recati, pieni di trepidazione, ad incontrarlo in questo paese per noi sconosciuto per poterlo accogliere nella nostra famiglia. Tornare in Vietnam, dopo qualche anno, ha quindi significato da una parte rivivere quei momenti di speranza, gioia, ansia che si provano quando arriva in famiglia un bambino. In piu' per Marco e' stato forse il modo piu' naturale e sereno per apprendere, dopo tanti racconti e fotografie di "quando eri piccolo", come un bambino puo' incontrare la sua mamma e il suo papa'. Perché siamo andati proprio in Vietnam? La seconda volta certamente siamo stati spinti dalla scelta fatta in precedenza, un po' perché ormai ci sentivamo legati al paese di nostro figlio, ma in particolare perché crediamo sia importante per i fratellini sentirsi legati anche da una comune radice. La prima volta… a dire il vero inizialmente ci eravamo rivolti ad un altro paese. Purtroppo vi sono numerose incognite quando ci si affaccia all'adozione internazionale (per una serie di motivi l'adozione nazionale, pur essendo comunque richiesta dalla maggior parte degli aspiranti genitori adottivi, in pratica permette di coronare il sogno di un bambino solo ad una piccola percentuale di loro). Per motivi quali l'evolversi delle normative straniere in materia di adozione o le vicende politiche di un paese, i "canali" a cui ci si rivolge per un'adozione all'estero possono chiudersi o riaprirsi, e nel tempo possono crearsi le condizioni per l'apertura di altri "canali". Cosi', in seguito alle difficolta' insorte nel paese presso cui avevano inoltrato la nostra domanda iniziale, l'associazione a cui ci siamo rivolti (Nucleo Assistenza Adozione e Affido, oggi Ente Autorizzato), ci ha proposto di "spostarci" sul Vietnam, canale percorribile di nuova apertura. Nel periodo successivo ci siamo documentati su questo paese, e siamo venuti a conoscenza del rapporto di collaborazione gia' instaurato a Bac Giang dall'Associazione Amici della Neonatologia Trentina. In occasione della mostra fotografica sul Vietnam organizzata dalla stessa a Trento abbiamo avuto modo di incontrare una studentessa vietnamita, che ci ha spiegato il significato del nome originario di Marco (Hain), il bambino che poco tempo prima ci era stato proposto per l'adozione. Sia con Marco tre anni fa che con Lisa quest'anno, avvicinandosi il giorno della partenza i preparativi si sono fatti sempre piu' frenetici: la sistemazione degli impegni prima di partire, i permessi di lavoro, le vaccinazioni, i visti sul passaporto, i giocattoli e i vestiari per i bambini degli orfanotrofi… il problema piu' grande era quello di non superare i limiti di peso del bagaglio pur portando tutto. Raccontiamo ora solo qualche momento dell'ultimo nostro viaggio, che a grandi linee ha ricalcato la nostra prima esperienza. Il giorno dopo il nostro arrivo in Vietnam abbiamo finalmente potuto abbracciare la tanto desiderata Lisa. Era in un Istituto, piuttosto squallido, che accoglie circa 25 bambini di eta' fra i pochi mesi e 2 anni. Abbiamo avuto l'impressione che i bambini che vi sono ospitati abbiano la fortuna di non patire la fame, come altri loro coetanei, ma che la loro fortuna non vada molto oltre. Pur facendo del loro meglio, le poche assistenti/inservienti dell'istituto non possono sostituire la presenza dei genitori e tutto quello che una mamma e un papa' possono trasmettere ad un figlio anche solo con gli sguardi o con un gesto. La piccola Lisa, a 5 mesi, era come apatica: probabilmente lasciata per la maggior parte del tempo in quella che sembrava una piccola branda di tela, non rispondeva agli stimoli, alle voci, ai rumori, e non riusciva a sostenere il peso della testa, né tanto meno a tenersi diritta sulla schiena. La posizione fissa probabilmente le aveva causato anche uno schiacciamento nella parte posteriore laterale della testa (la direttrice dell'istituto, tramite il referente locale dell'associazione NAAA, ci ha rassicurato dicendo che il problema sarebbe stato risolto, semplicemente facendo dormire la bimba sull'altro lato). Ci siamo poi recati in poco tempo nella provincia di nascita di Lisa, dove si e' svolta la cerimonia ufficiale di adozione che prevede lo scambio di piccoli doni a seguito della parte formale, dove si sancisce ufficialmente la consegna del minore alla coppia adottiva e vengono ricordati gli impegni che essa si assume nei confronti del minore stesso. Per la legge vietnamita l'atto che decreta definitivamente l'adozione internazionale di un minore deve svolgersi nella sua provincia di nascita. Per un genitore adottivo questi sono certamente momenti molto forti che ci fanno riflettere e chiedersi quale diritto abbiamo noi di "stare meglio" rispetto a loro che si rompono la schiena dalla mattina alla sera nelle risaie… Le settimane successive sono trascorse seguendo il ritmo imposto dai vari passaggi nell'iter che riguarda l'adozione internazionale, e che deve tener conto della relativa normativa vietnamita come di quella italiana, recentemente modificata: con i documenti perfezionati durante la Cerimonia del Dare e del Ricevere presso il Dipartimento di Polizia di Hanoi abbiamo fatto la richiesta del passaporto per la piccola Lisa. e' seguita la visita da parte del medico dell'orfanotrofio, che certifica lo stato di salute della bambina ed eventualmente rileva la presenza di determinate malattie e altri problemi a livello fisico. Sono poi state richieste le necessarie traduzioni e certificazioni dei documenti presso il Ministero degli Esteri vietnamita (una sorta di autentica che in ultima istanza porta al riconoscimento delle autorita' che li hanno inizialmente redatti: e' sostanzialmente la stessa trafila che hanno seguito in Italia, prima del viaggio, tutti i documenti che identificano la coppia che si propone per l'adozione internazionale). I vari documenti vengono poi trasmessi in Italia, dove la Commissione per le Adozioni Internazionali, esaminato il dossier nel suo complesso, decreta il nulla osta all'adozione nel superiore interesse del minore. Con il parere favorevole della Commissione, l'Ambasciata Italiana ad Hanoi richiede al Ministero di Giustizia vietnamita un'ulteriore dichiarazione sulla formale regolarita' del procedimento adottivo a partire dalla dichiarazione dello stato di adottabilita' del minore. Con questo ulteriore controllo l'Ambasciata ha dato il via libera all'Ufficio Consolare che, espletati i controlli di rito e a seguito di un ulteriore fax di autorizzazione da parte del Ministero degli Esteri a Roma, ha emesso il visto di ingresso in Italia, per adozione, per la piccola Lisa. Purtroppo in questo intricato percorso entrano in gioco, ognuno per la propria competenza, diversi soggetti istituzionali, e pertanto basta qualche piccolo inconveniente (anche la malattia di un impiegato o il ritardo nella trasmissione di documenti via fax) per ritardare progressivamente anche i passi successivi. Cosi' il nostro periodo di permanenza, inizialmente previsto per 3 settimane, si e' allungato a 5 (con qualche disagio, dovuto principalmente al fatto che nell'ultimo periodo Marco aveva la febbre e sulle manine e sui piedini di Lisa sono comparse le pustolette della scabbia, contratta quando era ancora in orfanotrofio). Queste difficolta' non ci hanno pero' impedito di vedere il lato positivo di questa esperienza: ci era comunque data la possibilita' di vivere in famiglia, a tempo pieno, nel paese di origine dei nostri bimbi ("chicchi di riso", come li ha chiamati un'altra famiglia che ha adottato due bimbi in Vietnam). Abbiamo potuto vedere, momento per momento, i grandi progressi della nostra bambina, che dopo pochi giorni ha imparato a sorridere e a rivolgere la testa, ormai senza difficolta', verso la voce della mamma o del papa'. Abbiamo potuto sperimentare come la vicinanza anche di un fratellino spesso turbolento abbia acceso nella piccola Lisa il desiderio di interesse per i colori, i rumori, per ogni cosa non conosciuta: nel giro di poche settimane ha potuto recuperare gran parte dello sviluppo fisico che in orfanotrofio era rimasto un po' frenato. Abbiamo cercato, per quanto possibile dati i ritmi di Lisa, di visitare la citta', di vedere qualcosa in piu' rispetto a quello che e' il "percorso del turista". Abbiamo cosi' incontrato tante persone laboriose e gentili, gente certamente povera che ti saluta e ti sorride, bambini che ti fermano per strada per chiederti di dove sei, gente anziana che ti chiede a gesti quanti mesi ha la bambina. Vogliamo conservare tutte queste immagini, oltre che in fotografia, nel nostro cuore, perché sono parte della storia dei nostri figli e certamente sono ormai parte di noi.