20
gen
2022
  • NAAA App
NAAA Onlus

«Una task force degli enti autorizzati per aiutare il Congo»

La proposta del NAAA al Governo per sbloccare le procedure di adozione.

30 mag 2014

"L’operazione di ricongiungimento delle famiglie e dei loro bambini congolesi è sicuramente da ricordare come un successo della diplomazia italiana, di cui hanno beneficiato anche gli altri Paesi". Maria Teresa Maccanti, presidente del NAAA, plaude l’operazione portata a termine dal Governo guidato da Matteo Renzi, che ha permesso l’arrivo in Italia dei 31 bimbi provenienti dall’Africa. Ma guarda al futuro, proponendo fin da subito un intervento che possa sbloccare, una volta per tutte, l’adozione internazionale nella Repubblica Democratica del Congo. “Non sappiamo ancora bene quali sviluppi attendere nel breve per gli altri bambini già abbinati alle nostre famiglie – prosegue la Maccanti – di sicuro si sente la necessità di uno strumento legislativo nel rispetto delle normative internazionali di indirizzo. Noi Enti, che conosciamo ed applichiamo le normative dei paesi da dove provengono i nostri figli, siamo in grado di aiutare i Paesi d’origine, in questo caso la Repubblica Democratica del Congo, nella definizione di una bozza di legge per le procedure d’adozione nazionale e internazionale con un focus sul recepimento della Convenzione dell’Aja, sulle buone prassi e sulla riduzione della burocrazia”.

La presidente del NAAA lancia quindi un appello sia agli altri Enti autorizzati all’adozione internazionale, ma soprattutto al premier Matteo Renzi. “Il più grande regalo che l’Italia potrebbe fare alla Repubblica Democratica del Congo per l’umanità dimostrata con lo sblocco delle procedure d’adozione è il seguente – conclude la Maccanti – la CAI potrebbe farsi subito promotrice presso le autorità congolesi di una task-force composta anche dagli Enti autorizzati per la definizione di una bozza di legge. Sarebbe l’aiuto migliore che potremmo dare a quei bambini che sono in istituto e che potrebbero altrimenti vedere allungarsi i tempi per avere una famiglia, se non addirittura vedere sfumata ogni possibilità”.