22
set
2021
  • NAAA App
NAAA Onlus

Adozioni, la ex referente russa in visita al NAAA

Irina Leonova: “La gioia più grande? Vedere i bimbi felici in una nuova famiglia”

24 giu 2014

Irina Leonova: “La gioia più grande? Vedere i bimbi felici in una nuova famiglia”Una piacevole visita in casa NAAA. Irina Leonova, già referente in Russia dal 1995 al 2005, è tornata a salutare i colleghi e la presidente Maria Teresa Maccanti durante il suo ultimo viaggio in Italia. E i ricordi sono tornati al proprio operato a sostegno delle famiglie che hanno deciso di accogliere un bambino proveniente dall’ex repubblica sovietica. Fino a qualche tempo fa, in Italia arrivavano una quindicina di bambini all’anno. Oggi sono quasi duecento i minori provenienti dalla Russia: numeri importanti, che evidenziano l’ottima collaborazione tra i due Paesi.

“L’adozione internazionale è cambiata molto in questi ultimi anni – afferma Irina – una volta ci voleva meno tempo, bastava anche un solo viaggio mentre oggi, invece, ne occorrono almeno tre”. I piccoli in attesa di poter abbracciare una nuova mamma ed un nuovo papà sono sempre tanti. “Le strutture dove i minori vengono ospitati sono accoglienti – prosegue la ex referente del NAAA in Russia – ed il personale che lavora all’interno degli orfanotrofi è gentile ed ha una particolare attenzione verso i bambini. Ma i piccoli hanno bisogno di una famiglia dove poter crescere sani e coccolati”. La crisi economica ha colpito anche l’est Europa e a risentirne sono stati soprattutto i più piccoli. “Ci sono realtà molto povere, dove le famiglie non riescono più a mantenere i propri figli, che vengono così abbandonati. E l’adozione rappresenta l’unica speranza di un futuro migliore”. Ora Irina non si occupa più di adozioni internazionali, ma nel suo cuore sono ancora ben impresse alcune immagini che porterà per sempre dentro di sé: “Adoravo il mio lavoro – conclude – soprattutto il momento in cui, a distanza di anni, incontravo quei bambini che erano riusciti a trovare una nuova famiglia in Italia. Vederli felici e amati era la mia più grande soddisfazione”.