27
nov
2021
  • NAAA App
NAAA Onlus

“L’arrivo di Malwina? Una gioia indescrivibile”

La storia dei coniugi Pela, una coppia italo-polacca: proprio come la loro bimba.

03 dic 2014

“Abbiamo sempre desiderato che nostro figlio venisse dalla Polonia. E il nostro sogno si è avverato” . La piccola Malwina, 8 anni, è arrivata in Italia da un anno e mezzo. E ha già imparato perfettamente la lingua. Grazie anche alla mamma, originaria proprio del Paese dell’est Europa.

“La nostra è una famiglia speciale – raccontano i coniugi Pela, che vivono a Cumiana, in provincia di Torino – per metà italiana e per l’altra metà polacca. Ci siamo avvicinati al mondo dell’adozione nel 2011 e, un anno dopo, abbiamo conferito il mandato al NAAA” . Tutto è filato per il verso giusto.

“Esattamente nove mesi dopo abbiamo visto per la prima volta nostra figlia: un caso? Non stavamo più nella pelle – raccontano Maurizio e Malgorzata, rispettivamente 47 e 37 anni – e non vedevamo l’ora di prendere l’aereo e volare in Polonia. Era il novembre del 2012, pochi giorni prima del compleanno di Malwina: purtroppo la nostra permanenza è stata breve e siamo tornati a casa senza poter festeggiare insieme. E questo ci è spiaciuto molto”.

Da allora, fino al secondo viaggio, i tre hanno continuato a sentirsi tutti i giorni su Skype, con la mamma a fare da interprete ed il papà impegnato a realizzare degli splendidi disegni da donare alla sua piccola. “Sono passati solo tre mesi prima del secondo viaggio – proseguono i Pela – ma ci sono sembrati lunghissimi. Volevamo soltanto abbracciare nostra figlia e tornare tutti insieme a casa: non è stato facile, ma i professionisti del NAAA e Marie Pratz, che ci ha seguiti fin da subito, non ci hanno mai lasciati soli e ci hanno sostenuto anche nei momenti di difficoltà” .

Così, nella primavera del 2013, Malwina, Malgorzata e Maurizio sono diventati una famiglia. E, nonostante la timidezza, la piccola si è subito ambientata. “All’inizio c’è stata qualche difficoltà legata alla lingua – raccontano ancora i due coniugi – ma in pochi mesi nostra figlia ha subito imparato l’italiano, tanto che a settembre ha iniziato a frequentare la scuola. Malwina ha bisogno di tante attenzioni, di sicurezze: in questo anno e mezzo la nostra vita è cambiata completamente grazie al suo arrivo”.

Quella dei Pela non è soltanto una famiglia italo-polacca, ma anche una famiglia allargata. “Siamo rimasti in contatto con i genitori adottivi dei fratelli e delle sorelle di Malwina – sottolineano Maurizio e Malgorzata – affinché i bambini potessero rivedersi e non perdersi di vista. E’ sempre bello quando ci si trova tutti insieme e vedere la felicità e la serenità negli occhi dei nostri figli”.

“L’adozione di bambini grandicelli, come nel caso di Malwina, non è un problema – conclude la presidente del NAAA, Maria Teresa Maccanti – sono cuccioletti di seconda elementare che sono ben consapevoli del loro percorso ed hanno una grande voglia di famiglia. La famiglia Pela, infatti, ci dimostra che anche a 8 anni l’accoglienza non pone alcun ostacolo”.