11
ago
2022
  • NAAA App
NAAA Onlus

Federazione Russa, superate le duecento adozioni

Tempi brevi per le coppie in attesa di poter accogliere il proprio figlio

24 feb 2015

Sono oltre duecento i bambini adottati dalle coppie che hanno conferito il proprio mandato al NAAA provenienti dalla Federazione Russa. Paese che, negli ultimi due anni, ha registrato il maggior numero di ingressi in Italia tra tutti quelli in cui opera l’ente. Un traguardo importante, reso possibile grazie anche al breve tempo di attesa: dall’accettazione del Paese all’abbinamento, infatti, non passano mai più di dodici mesi. Bassa anche la fascia d’età dei minori accolti, quasi tutti tra gli zero e i sei anni.

“E in caso di adozione di un gruppo di fratelli o di un bambino di età superiore ai 7 anni i tempi si accorciano ulteriormente – spiegano la responsabile delle adozioni, Elisa Azeglio, e l’operatore Paese, Marlene Rocchietti – inoltre i viaggi sul posto, che possono essere tre o quattro a seconda della Regione, sono di breve durata. L’accordo bilaterale sottoscritto tra l’Italia e la Federazione Russa prevede che i futuri genitori si rechino sul posto per avere informazioni più dettagliate sul bambino e per decidere poi di accettare l’adozione”.

In questo primo mese e mezzo del 2015, sono già sette i bambini arrivati in Italia dalla Federazione Russa. Oggi, però, ci sono più segnalazioni di minori in attesa di trovare una famiglia che coppie disponibili. “Vista la particolarità della procedura russa – concludono Elisa Azeglio e Marlene Rocchietti – il NAAA è a completa disposizione dei futuri genitori per accompagnarli in questo percorso sia dal punto di vista operativo che da quello psicologico e, se necessario, anche quello medico”.