11
ago
2022
  • NAAA App
NAAA Onlus

Open day, ancora un successo del NAAA in Sardegna

Oltre centocinquanta i partecipanti all’evento organizzato in collaborazione con la Croce Rossa

Open day, ancora un successo del NAAA in Sardegna
23 giu 2015

 

Ancora un successo per il NAAA in Sardegna. Erano oltre centocinquanta i partecipanti all’Open day che si è tenuto domenica 21 giugno, organizzato dalla sede di Samugheo in collaborazione con la Croce Rossa Italiana. Tantissime le persone che non si sono lasciate sfuggire l’opportunità offerta alle famiglie adottive, così come numerosi sono stati gli operatori che - ognuno nel proprio ruolo - possono trovarsi di fronte alle emergenze causate da un corpo estraneo che può ostruire le vie aeree del bambino. Per questo all’incontro erano presenti anche alcuni membri del corpo docente della scuola dell’infanzia e diversi rappresentanti dei volontari del soccorso locali, che hanno seguito con attenzione la lezione tenuta dagli esperti della Cri. Ad aprire i lavori è stato il referente regionale del NAAA, il dottor Antonio Urru, che ha presentato l’ente nel suo operato principale, ovvero l’adozione internazionale, per poi rimarcare l’impegno nel sociale, attraverso la cooperazione, lo sviluppo ed il sostegno nel mondo, ma anche sul territorio. Il sindaco di Samugheo, l’ingegner Antonello Demelas, ha evidenziato ed elogiato gli eventi organizzati dal NAAA, tutti di fondamentale importanza, ricordando il progetto di solidarietà realizzato nelle scuole “Una casa per Thanan” e sottolineando la passione con cui il dottor Urru e il suo team portano avanti le iniziative. Sulla stessa scia di elogi anche il discorso di don Alessandro Floris, parroco di Samugheo, sempre disponibile a dare il proprio sostegno agli eventi promossi dal NAAA. Graditissima la presenza del presidente regionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Gallistru, che per essere a Samugheo, ha rinunciato ad un impegno nazionale che lo avrebbe voluto a Solferino. Gallistru ha ripercorso la storia della Cri dalla sua fondazione nel 1864, passando per i tragici fatti della prima e seconda guerra mondiale, fino ad arrivare alle attività promosse dalla CRI nei giorni nostri, e si è poi complimentato con il NAAA per la grande organizzazione espressa in occasione dell’Open day, e non solo. Spazio quindi al medico della Croce Rossa e ai suoi istruttori che, con maestria, hanno reso edotti tutti i partecipanti grazie anche alle prove pratiche sulle manovre salvavita pediatriche. A tutti i partecipanti si è rilasciato un attestato di frequenza, da tutti molto gradito. Non è mancato, infine, un ricco rinfresco offerto dal NAAA, al termine del quale i convenuti non hanno mancato di sottoscrivere la tessera, garantire il 5 per mille e contribuire con una piccola offerta all’ente che sarà utilizzata per i progetti di cooperazione. “E’ stato un evento davvero bello e interessante – conclude il referente sardo del NAAA, Antonio Urru – che già chiede di essere replicato ed esteso a tutti. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno contribuito all’ottima riuscita dell’Open day, anche a nome della presidente nazionale Maria Teresa Maccanti, i collaboratori Cinzia, Nella e Alessandra e tutti i volontari NAAA”.