11
ago
2022
  • NAAA App
NAAA Onlus

Il NAAA in missione in Cambogia

La responsabile Cooperazione, Paola Riccardi, monitorerà i progetti avviati nel Paese del sud-est asiatico

Il NAAA in missione in Cambogia
Foto: La responsabile Cooperazione, Paola Riccardi, e la referente Martina Cannetta in Cambogia
16 gen 2017

Una missione in Cambogia per monitorare i progetti di cooperazione avviati nel Paese dal NAAA. La responsabile Cooperazione e Sviluppo, Paola Riccardi, è partita per il sud-est asiatico, dove andrà a vedere da vicino i risultati ottenuti grazie al progetto Gaia, che ha visto la creazione di orti domestici per 35 famiglie e per l’istituto della provincia di Kompong Thom – e per dare il via al progetto Ala insieme ad un veterinario dell’Avec, l’associazione veterinaria di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo. Nascerà quindi un allevamento avicolo, poiché uova e carne di pollo sono spesso l’unico apporto proteico per le famiglie cambogiane. Verranno selezionate 20 famiglie, in base alla loro propensione all'allevamento avicolo, allo spazio a disposizione e alle loro capacità lavorative: verranno quindi costruiti, presso questi nuclei familiari, 20 pollai per la produzione di uova, sia per il consumo alimentare sia per la vendita diretta nel mercato locale. Tutti gli animali saranno vaccinati. Grazie al progetto Ala, le famiglie saranno formate sulle tecniche dell’avicoltura, con il risultato di ottenere un alimento utilizzabile, un ritorno economico immediato e al tempo stesso un concime a costo zero. Fondamentale sarà anche un corso sull’igiene, per evitare che, in alcuni contesti domestici, gli animali coabitino con le persone, soprattutto bambini. Inoltre le donne verranno formate sulle modalità di vendita delle produzioni, ad esempio al mercato locale o nei piccoli ristoranti della zona. “Il controllo dell’andamento dei progetti di cooperazione – afferma Paola Riccardi – e la formazione continua delle popolazioni locali sono fondamentali. In questo caso, poi, l'igiene e il supporto del veterinario sono due fattori importanti”.