25
giu
2022
  • NAAA App
NAAA Onlus
Agricoltura sostenibile in Cambogia

Gaia-un aiuto alla Cambogia per una produzione agricola sostenibile

prime semine in Cambogia
21 lug 2016

Progetto Gaia: via alle prime semine.

Il progetto ha avuto inizio nel mese di novembre con la selezione delle famiglie da inserire nel programma. La nostra collaboratrice Lam ha visitato tutte le famiglie che vivono nella provincia di Kompong Thom e i cui figli sono inseriti nel programma di sostegno a distanza. 

Sono state inserite 35 famiglie che dispongono di un appezzamento di terreno e che hanno dimostrato interesse al progetto.

Nel mese di aprile 2016 è stata effettuata una missione dall’Italia : ne facevano parte la responsabile della cooperazione, un agronomo volontario (Dr Roberto Brazzale) conosciuto tramite il nostro partner AVEC PVS e un volontario con funzioni di logistica (Dr. Gregorio Abbruzzese).  

La missione ha avuto lo scopo di formare l’agronomo cambogiano sulle coltivazioni biologiche e sul compostaggio, di monitorare l’andamento dello stesso e di organizzare i corsi di formazione. È stato realizzato un sopralluogo presso l’Istituto di Khompong Thom per individuare le aree da coltivare e gli interventi da realizzare. Si è proceduto alla formazione di 5 Nannies e di 42 ragazzi grandi(17 ragazzi e 25 ragazze)  che  si occuperanno di coltivare i vari orti. Scopo del progetto è anche quello di dare una formazione agricola ai ragazzi più grandi in modo che in futuro possano mettere a frutto le loro competenze una volta lasciato l’Istituto.

Si sono tenuti due corsi: uno rivolto alle 35 famiglie e uno rivolto alle nannies e ragazzi dell’istituto

 Il corso si è svolto in due sessioni: la prima è stata una sessione teorica dove si sono analizzati gli aspetti più importanti delle tecniche di coltivazione, utilizzo del compost e/o concime naturale e le differenti tipologie di cultivar.

La seconda sessione ha riguardato la parte pratica di realizzazione del compost. I ragazzi, sotto la supervisione dell’agronomo, hanno realizzato una compostiera utilizzando, per il contenitore,  materiale di recupero.

Tutte le 35 famiglie sono state visitate per  valutate le condizioni del terreno a disposizione, l’accesso all’acqua, l’esistenza di precedenti coltivazioni e le eventuali richieste delle famiglie.

Ogni famiglia è stata formata sull’importanza del compostaggio e sulla necessità di non bruciare i rifiuti di plastica e di non disperdere i rifiuti nell’ambiente.

La stagione delle piogge (che inizia di solito il 1 maggio) quest’anno è iniziata tardi (fine maggio) e le piogge non sono state molto abbondanti (al 20 giugno aveva piovuto solo 15 volte).

Le temperature sono calate a 25/28° ed è quindi possibile iniziare le coltivazioni.

Le famiglie vengono visitate ogni settimana per aiutarle a costruire la compostiera e preparare il compost.   Tutte le domeniche Sochea si è recato all’Istituito dove i ragazzi più grandi erano a casa da scuola ed ha cominciato seguirli nella costruzione di 4 compostiere. (una quinta era già stata costruita durante il corso di formazione) Il terreno dell’Istituto  è stato diviso in 5 appezzamenti che sono stati assegnati ognuno ad una nanny ed ai ragazzi più grandi sotto la sua responsabilità. 

Durante il mese di maggio Sochea ha comperato i materiali per l’Istituito e per le  famiglie .

Le compostiere sono state ultimate da tutte le famiglie anche se per un piccolo numero il compost non è ancora pronto all’uso.

Ai primi di giugno, con grande ritardo, sono iniziate le piogge. A questo punto Sochea ha preparato un calendario di semina sia per l’Istituto che per ogni famiglia del progetto.  Per ogni famiglia a seconda del terreno, ha selezionato delle sementi da seminare nei mesi di giugno/ luglio, altre per settembre/ottobre ed altre ancora per gennaio/febbraio del prossimo anno.

A metà maggio durante gli incontri settimanali sia con le famiglie che con i ragazzi dell’Istituto ha cominciato ad insegnare le tecniche di preparazione del suolo, come diserbare ed eliminare gli insetti, come mettere le reti per proteggere le coltivazioni dagli animali e dal sole, come preparare le sementi per la semina e come seminarle.  

 Ai primi di giugno, quando la terra era sufficientemente umida, è cominciata la semina. Non tutte le famiglie hanno potuto cominciare a seminare allo stesso tempo, poiché per alcune famiglie  la disponibilità di acqua è stata molto scarsa più a lungo di altre.